Scubo

Prepara il meglio

di te

FAQ

1. Quando ci saranno le selezioni?

Abbiamo ricevuto oltre mille candidature... Grazie! Abbiamo quindi bisogno di un po' di tempo per organizzare le selezioni, considerate le tante sedi e operatori coinvolti oltre che per le modalità di selezione (online) che occorre mettere a punto.
 
Per ora possiamo dirvi che le date di selezione saranno pubblicate non appena possibile su questo sito verso la fine di febbraio, con selezioni entro il mese di marzo o magari nelle prime settimane di aprile. 
 
Vi manderemo anche una mail, ma non abbiamo la garanzia che arrivi o finisca nello spam. Se non lo hai ancora fatto, iscriviti qui sotto alla newsletter e al nostro canale Telegram dove manderemo gli aggiornamenti. 
 
Controlla quindi spesso questo sito, anche perché la pubblicazione qui funge da convocazione ufficiale.

2. Come funzioneranno le selezioni?

Scorrendo giù questa stessa pagina troverai brevi video su come performare al meglio durante le selezioni, mentre in fondo puoi già trovare i criteri di selezione di SCUBO.

In generale, le selezioni e le graduatorie vengono fatte per sede di progetto. In base al punteggio ottenuto durante le selezioni potrai essere:

  • Idoneo selezionato: sei nei primi posti in graduatoria nella sede in cui ti sei candidato/a (ad esempio arrivi primo o secondo in una sede che ha 2 posti disponibili) = entrerai in servizio nella sede indicata
  • Idoneo non selezionato: non sei proprio nei primi posti in graduatoria nella sede in cui ti sei candidato/a (ad esempio arrivi terzo o quarto in una sede che ha 2 posti disponibili). In questo caso ci sono varie possibilità: 1. ti possono essere proposte altre sedi di servizio che sono eventualmente rimaste scoperte; 2. qualcuno arrivato in graduatoria prima di te rinuncia, liberando il posto nella sede in cui ti sei candidato
    (ti spiegheremo meglio tutte queste possibilità durante il colloquio di selezione)
  • Non ideoneo: non raggiungi il punteggio minimo previsto dai criteri di selezione e quindi non puoi entrare in servizio in nessuna sede (ma questo non avverrà se ti prepari leggendo bene il progetto, i criteri e i nostri consigli sulle selezioni 😉)

3. Quando partiranno i progetti?

E' ancora un po' presto per dirlo! Appena lo sapremo lo pubblicheremo qui e nelle schede progetto. 

Comunque lo saprai al più tardi durante le selezioni!

Non perderti qualche aggiornamento:
iscriviti alla newsletter e al nostro gruppo Telegram!

Cliccando “Iscriviti” acconsenti alla nostra Privacy Policy

#1

Cosa preparare
per il colloquio?

#1

Cosa preparare
per il colloquio?

#2

Quali sono le domande che devo preparare?

#3

Come vengo valutato al colloquio?

#3

Come vengo valutato al colloquio?

#4

Come comportarsi al colloquio?

Ecco i nostri

Criteri di selezione

Si è selezionati in base a una graduatoria per punteggi.

Puoi ottenere al massimo 100 punti, di cui al max 70 al colloquio (probabilmente da remoto) e 30 in base ai titoli di studio e alle tue esperienze precedenti.

Puoi leggere il sistema di selezione completo che verrà utilizzato per tutti i progetti SCUBO a questo link.

Altrimenti, ecco una sintesi.

Gli aspetti principali che vengono presi in  considerazione (e sui quali ti consigliamo di prepararti!!) sono:

  • La reale motivazione a svolgere l’esperienza di servizio civile
  • La valutazione delle  esperienze precedenti di volontariato, cittadinanza attiva, partecipazione
    ed altri tipi di iniziative di solidarietà, soprattutto nello stesso settore del progetto
  • Il livello delle precedenti esperienze, sia pratiche che di istruzione e formazione, anche in settori affini a quello del progetto, tramite la valutazione dei titoli di studio e delle altre competenze/esperienze pratiche
  • Il livello di conoscenza del progetto e dell’ambito di intervento del progetto.
  • Il grado di consapevolezza del contesto in cui si inserisce il progetto: l’ente proponente (SCUBO), la sede di
    progetto (l’ente sede di accoglienza) e il contesto locale specifico (es.: centro di Bologna, quartieri, periferie, piccolicomuni ecc…)
  • La disponibilità alle condizioni richieste per la realizzazione del progetto (eventuali spostamenti, flessibilità oraria ecc…)
  • Il livello di consapevolezza del concetto di servizio civile, del suo significato e della importanza nella storia di un Paese come l’Italia e nel mondo.
  • Predisposizione all’impegno in contesti multiculturali, specie in progetti in ambito interculturale o in zone
    caratterizzate da persone di provenienza culturale differente

Per valutare questi aspetti, nel colloquio, si utilizza una “griglia di valutazione” organizzata in diverse “aree di competenza”, per cui ti viene dato un punteggio in ciascuna di queste aree (nel sistema di selezione completo trovi le descrizioni dettagliate di ogni competenza):

  1. Competenza alfabetica funzionale
    Abilità di espressione in forma scritta e orale acquisite nel corso della vita e della carriera, anche non
    necessariamente riconosciute da certificati e diplomi ufficiali
  2. Competenza sociale
    Vivere e lavorare con altre persone in un ambiente multiculturale, occupando posti in cui la comunicazione è importante e in situazioni in cui è essenziale lavorare in squadra
  3. Competenza in materia di cittadinanza
    Conoscenza del Servizio Civile, del mondo del volontariato, dell’area d’intervento del progetto, conoscenza dell’Ente del progetto, ecc…
  4. competenza “imprenditoriale”
    Grado di conoscenza del progetto e motivazioni della sua scelta: consapevolezza che esistono opportunità e contesti diversi nei quali è possibile trasformare le idee in azioni nell’ambito di attività personali, sociali e professionali, e la comprensione di come tali opportunità si presentano, ad esempio, tramite il servizio civile
  5. competenza personale e capacità di imparare a imparare
    Organizzazione rispetto alle condizioni previste nel progetto ed eventuali altre attività, compatibilità con il SC (es.: lavoro-> orario; università-> frequenza obbligatoria); capacità di riflettere su sé stessi, di gestire efficacemente il tempo e le informazioni e di gestire il proprio apprendimento e la propria carriera
  6. competenza multilinguistica
    N.B.: la valutazione di questa competenza è riservata ai soli progetti dedicati che richiedono la conoscenza di una lingua straniera. Conoscenza di una lingua o più lingue particolarmente utile alle attività e/o ai destinatari della attività del progetto per facilitare il più possibile i processi di comunicazione, integrazione e di non discriminazione all’interno della comunità
  7. Ogni ulteriore elemento di valutazione ritenuto utile

Il punteggio massimo totalizzabile, prendendo il massimo in ognuna di queste aree, è 70.
Per superare il colloquio occorre un punteggio minimo di 30 su 70. Si diventa così idonei alla selezione, mentre si è selezionati in base alla graduatoria dei punteggi rispetto agli altri candidati.

Il vantaggio di candidarsi con SCUBO?

Essendo una rete di 70 enti, laddove dovessi risultare idonea/o ma non selezionata/o, ti offriremo di essere ricollocata/o in un progetto simile con un ente diverso se ha posti disponibili.

Gli ulteriori 30 punti, che si aggiungono a quelli del colloquio orale, sono assegnati in questo modo:

  • precedenti esperienze: fino a un massimo di 10 punti
  • titoli di studio e professionali: fino a un massimo di 10 punti
  • competenze/esperienze aggiuntive: fino a un massimo di 10 punti

Puoi leggere come vengono assegnati in dettaglio questi punteggi per ogni categoria in questa scheda.

Scegli uno dei nostri progetti: