Scubo

Progetto

IN RETE PER IL BEN-ESSERE E LA SALUTE DELLA COMUNITÀ

Facilitiamo l’accesso ai servizi sanitari e ai luoghi di cura. Coinvolgiamo la cittadinanza in percorsi di prevenzione e informazione sulla salute.

Condizioni di servizio

439.50€ al mese

25 ore di Servizio alla settimana

5 giorni di Servizio alla settimana

1 anno di servizio

Posti disponibili

34

Sedi di attuazione

Potrai indicarne una nella candidatura.

Colloqui di selezione

A breve disponibili qui le date dei colloqui

Obiettivi del progetto

Gli Enti che partecipano al progetto “ In rete per il ben-essere e la salute della Comunità “, deputati ad attivare interventi di prevenzione e promozione della salute per la comunità dell’area territoriale bolognese vasta a dimensione metropolitana , di educazione ai corretti stili di vita e di orientamento e conoscenza appropriati sui servizi offerti alla Comunità, con tale progetto intendono rafforzare le collaborazioni già in essere al fine di:

  • consolidare ed ampliare la Rete territoriale fra Enti denominata – il Tavolo di promozione della salute e prevenzione – che opera nell’ambito della promozione di corretti stili di vita;
  • favorire la condivisione dei soggetti pubblici e privati nella definizione degli interventi/progetti, possibilmente di comunità, nel rispetto delle priorità dettate dai Piani di Prevenzione e volti a garantire migliori condizioni di salute alla popolazione locale, con particolare attenzione ai target più fragili vulnerabili e/o a rischio;
  • facilitare l’accesso e la fruizione dei servizi e delle attività presenti presso i luoghi di cura e di riabilitazione individuate e promuovere iniziative volte al potenziamento del concetto di salute in senso ampio nell’ambito della promozione del ben- essere;
  • promuovere la cittadinanza attiva verso i servizi, mediante occasioni di conoscenza e coinvolgimento in attività di valutazione e di miglioramento della qualità dei servizi erogati dagli enti partecipanti al progetto e gestiti dagli Uffici Relazioni con il Pubblico, dagli organismi consultivi misti (es. Comitato Consultivo Misto) o altri servizi/organismi similari tra cui associazioni di volontariato.

Attività previste

Per il Comune di Bologna: gli operatori volontari supporteranno l’OLP e lo staff di progetto nelle attività di:

  • Istruttoria, preparatoria e gestionale dei lavori del Tavolo di promozione della salute e prevenzione (programmazione e calendarizzazione delle sedute; convocazioni e ordini del giorno incontri; preparazione materiali per singole sedute; verbalizzazione dei temi trattati e delle decisioni prese negli incontri; predisposizione di documenti ed elaborati);
  • Programmazione azioni del Tavolo per allargare la Rete di attori locali che operano in tema di promozione della salute;
  • Coprogettazione/ implementazione interventi e laboratori di promozione della salute e attivazione di sperimentazioni pilota su diversi focus e target specifici di popolazione;
  • Percorsi di valutazione e monitoraggio interventi/laboratori di promozione della salute;
  • Aggiornamento di database interventi in tema di promozione della salute;
  • Comunicazione e organizzazione eventi locali, anche in collaborazione con gli Enti coprogettanti, volti a sensibilizzare la Comunità su temi di salute, attività informative/formative sui corretti stili di vita sul territorio e di iniziative cittadine dedicate a giornate celebrative OMS (preparazione programmi eventi, comunicati e news per pagine istituzionali e/o social, materiale informativo).

Per Azienda USL di Bologna e Azienda USL di Imola: ai giovani operatori volontari verrà richiesto di affiancare gli operatori del servizio ( infermieri , oss educatori e medici), nello svolgimento delle attività dei laboratori descritti, implementando e sostenendo la partecipazione degli utenti.

Potranno affiancare gli utenti in percorsi individuali in qualità di” tutor”, sempre con il monitoraggio e l’accordo  dell’operatore di riferimento.

Parteciperanno alle attività di gruppo aiutando gli utenti a relazionarsi tra di loro e con gli operatori; affiancheranno gli operatori a svolgere le mansioni richieste nell’attività specifica e nell’ attività di routine. Nei contesti in cui è previsto il servizio mensa (SPDC e Centro C.A.S.A.) i volontari, affiancheranno gli utenti per favorire e rafforzare la relazione e la coesione del gruppo.

Cureranno la realizzazione delle iniziative programmate, occupandosi anche della informazione, dell’accoglienza e curando la partecipazione dei cittadini alle stesse
Le attività in cui saranno principalmente coinvolti sono le seguenti:

  • Supporto organizzativo nella preparazione delle attività e degli eventi: preparazione del materiale, preparazione e riordino degli spazi, contatti telefonici, raccolta di adesioni; Sostegno e incentivazione alla partecipazione degli utenti alle attività di gruppo: fornire informazioni, ricordare gli appuntamenti, favorire l’inserimento nel gruppo e la conoscenza fra i partecipanti, supportare gli utenti più fragili nello svolgimento delle attività.
  • Partecipazione ai laboratori programmati: gruppi di cammino, laboratori tematici, etc.. per supportare le attività ed implementare la partecipazione dei cittadini e degli utenti.
  • Somministrazione di interviste telefoniche, programmate per la raccolta dei dati nell’ambito del progetto “Passi per l’Italia”; registrazione delle interviste su apposito software tramite piattaforma web (nelle Case della Salute).
  • Incontri con équipe multidisciplinari per la programmazione e realizzazione delle attività individuali e di gruppo e delle iniziative ed eventi individuati.
  • Supporto nella compilazione di modulistica ed espletamento di pratiche relative al fine di favorire l’accesso degli utenti ai Servizi sanitari coinvolti nel progetto.
  • Partecipazione al Progetto sperimentale “La prossimità come contrasto alle diseguaglianze in salute”, che comprende la microarea “ La Piazzetta dei Colori”, afferente alla Casa della Salute San Donato San Vitale e la Microarea “Pescarola” afferente alla Casa della Salute Navile.

Per Azienda Ospedaliero-Universitaria di Bologna – Policlinico di Sant’Orsola: I giovani volontari supporteranno gli operatori dell’Ufficio Relazioni Pubblico e rapporti con le Associazioni di Vo lontariato) nelle attività del servizio :

  • Accoglienza e sostegno all’utenza contribuendo a mantenere un elevato standard di qualità dei servizi di accoglienza e a gestire i flussi di utenza in maniera funzionale ed ordinata e contribuendo nell’orientamento dell’utenza, con particolare riferimento a persone con difficoltà al fine di favorire la gestione dell’accoglienza e il relativo percorso di umanizzazione indispensabile nello sviluppare una buona relazione con l’utenza (gli operatori volontari saranno di aiuto all’utente che avrà bisogno di essere correttamente indirizzato all’interno di una struttura polifunzionale e di pianificare la “fase burocratica” spesso poco comprensibile al cittadino/utente).
  • Gestione delle informazioni e contatti telefonici.
  • Supporto agli eventi delle Associazioni di Volontariato che si svolgeranno durante l’anno nell’ambito del territorio istituzionale:l’Uffcio Relazioni con il Pubblico e rapporti con le Associazioni di Volontariato, cura e promuove il mondo dell’associazionismo all’interno del Policlinico. 

Per IRCCS Istituto Ortopedico Rizzoli: gli opertori volontari saranno coinvolti nel supportare le attività di:

  • Accoglienza, orientamento e sostegno nelle piccole esigenze durante il tempo di attesa degli utenti dei servizi ambulatoriali (Poliambulatorio Rizzoli) e del Pronto Soccorso;
  • Compilazione di modulistica ed espletamento di pratiche relative o di indirizzamento agli specifici operatori per pratiche complesse (es. attivazione Fascicolo Sanitario Elettronico);
  • Partecipazione alle campagne informative e di promozione della salute mediante la distribuzione di appositi materiali; somministrazione di interviste e/o questionari per la raccolta di dati nell’ambito dei progetti di valutazione della qualità dei servizi, registrazione delle interviste su specifico software; svolgimento di attività di informazione rivolta agli utenti sulla ricerca sanitaria dell’IRCCS Istituto Ortopedico Rizzoli; supporto alla rilevazione della “qualità percepita” ed alla partecipazione dei cittadini e degli utenti mediante focus group e somministrazione di questionari;
  • Partecipazione ad attività di animazione negli spazi ludici presso il Poliambulatorio Rizzoli e presso il Pronto Soccorso, anche in collaborazione con associazioni di volontariato;
  • Ascolto e colloquio con gli utenti e loro indirizzamento verso gli operatori professionali appropriati.

Competenze acquisibili

Le competenze che i giovani in servizio potranno maturare discendono direttamente dalle attività per loro previste dal progetto. Tali competenze saranno attestate attraverso il rilascio di un Attestato Specifico da parte del CPIA (Centro Per l’Istruzione degli Adulti) metropolitano di Bologna, seguendo il percorso di attestazione delle competenze descritto in apposito Accordo allegato al progetto.

Le competenze sono organizzate in tre categorie:

  • Competenze Standard
    Valori e identità del servizio civile; La cittadinanza attiva; Il giovane volontario nel sistema del servizio civile; conoscenze sui rischi connessi all’impiego dei volontari nei progetti di servizio civile (ai sensi del D.lgs 81/2008); conoscenza dell’ente e del suo funzionamento;  conoscenza dell’area d’intervento del progetto; migliore conoscenza del territorio in cui si realizza il progetto; capacità di gestione del tempo in relazione all’orario di servizio;
  • Competenze Sociali e Civiche
    Competenze personali, interpersonali e interculturali che riguardanoutte le forme di comportamento che consentono alle persone di partecipare in modo efficace e costruttivo alla vita sociale e lavorativa, in particolare alla vita in società sempre più diversificate, come anche a risolvere i conflitti ove ciò sia necessario. La competenza civica dota le persone degli strumenti per partecipare appieno alla vita civile grazie alla conoscenza dei concetti e delle strutture sociopolitici e all’impegno a una partecipazione attiva e democratica.
  • Competenze Chiave di Cittadinanza
    Organizzare il proprio apprendimento; comprendere messaggi di genere diverso e di complessità diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico,scientifico, simbolico, ecc.) mediante differenti supporti (cartacei, informatici e multimediali); rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati d’animo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi e differenti conoscenze disciplinari, mediante vari supporti;interagire in gruppo; affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni ecc…

Svolgimento di un periodo di tutoraggio

  • Durata del periodo di tutoraggio: 3 mesi (gli ultimi 3 mesi del progetto)
  • Ore dedicate: 26
  • Tempi, modalità e articolazione oraria: 4 incontri di gruppo (basati su formazione frontale e metodologia non formale – durata: 5 ore l’uno); 2 sessioni individuali (consulenza orientativa sulla programmazione del percorso professionale – durata: 3 ore l’uno)
  • Attività di tutoraggio. Gli incontri riguarderanno le seguenti tematiche:
  1. Autovalutazione delle esperienze pregresse, valutazione della esperienza di servizio civile, analisi delle competenze;
  2. Laboratori di orientamento alla compilazione del curriculum vitae e tecniche di ricerca attiva del lavoro;
  3. Attività volte a favorire nell’operatore volontario la conoscenza ed il contatto con il Centro per l’impiego ed i Servizi per il lavoro)
  4. Presentazione dei diversi servizi e dei canali di accesso al mercato del lavoro, nonché di opportunità formative sia nazionali che europee (nazionali ed europei).

Per conoscere i nostri criteri di selezione, visita la sezione dedicata ai consigli sulle selezioni.

Per ulteriori obblighi e condizioni particolari di questo progetto leggi la scheda sintetica in PDF.

Guarda l’incontro dedicato a questo progetto

Le candidature per questo progetto sono terminate

Copia (seleziona, click destro e “copia” se da pc; tieni premuto sul codice e poi “copia” se da telefono) questo codice: PTCSU0016520013567NXTX

Con il codice progetto copiato, segui la guida a questo link che abbiamo preparato per accompagnarti passo per passo. Se hai problemi, scrivici a info@scubo.it o chiamaci a 3703161539.

Per tutti i dettagli e prima del colloquio leggi il progetto completo.